Archivio della categoria: Bari SmartCity

Bari SmartCity

La Provincia di Brindisi protagonista per una comunicazione e partecipazione efficace dei fondi strutturali in ricerca e innovazione

La Provincia di Brindisi, aderendo alle rete dei nodi informativi in ricerca e innovazione, si pone come centro di coordinamento per i 19 comuni dell’area vasta brindisina, facendo leva sulla Cittadella della Ricerca che potrà fungere da luogo di animazione e di incontro per i  tavoli tematici che saranno organizzati in coerenza con quelli del Pon ricerca e innovazione e della Smart Specialitazion Strategy (S3) della Regione Puglia come agrifood, salute, tecnologie per i beni culturali, mobilità sostenibile, Made in italy creatività e design, economia del mare, ecc..
Per meglio presentare questa opportunità, per venerdi 20 maggio, presso la sala della Giunta della Provincia di Brindisi, alle ore 11.30, è previsto un incontro dove interverranno il Presidente della Provincia, Maurizio Bruno, Michele Lastilla, responsabile regionale della Antenna Pon, Davide Bruno della associazione Smart Citizen, Gianluigi Cesari, esperto di agrifood. Le conclusioni sono dell’On Titti De Simone, consigliere della Presidenza della Regione Puglia. E’ prevista la partecipazione del Governatore della Regione Puglia, Michele Emiliano. Alla iniziativa sono invitati i sindaci e le amministrazioni pubbliche del territorio brindisino, affinchè si possa avviare un confronto aperto e utile all’avvio di questo percorso .

Continua a leggere

La città delle persone diamo un anima a Smartcity

locandi18febbraioL’ Associazione Smartcitizen ha il piacere organizza l’evento il 18 febbraio alle ore 17.30 in Via Don Guanella 15/B (presso Sigma Sistemi srl) a Bari Vicinanze Hilton Scandic Hotel
La città delle persone diamo un anima a Smartcity
Interverranno  gli Assessori del Comune di Bari: Decaro, Lacarra.
Tutti gli smarticizen e la cittadinanza è invitata

 

Gli 8 end point del protocollo d’intesa che presenteremo al Sindaco Michele Emiliano

E’ tempo di punti …diamo anche noi i primi nostri 8 punti di programma per “Bari Digital”
1. Implementare “Carbon free”. Questo progetto (già qui pubblicato da Giovanni Dona”) ha l’obiettivo di ridurre la bolletta energetica di tutti i “Baresi” e di aiutare la città nella sua cronica lotta contro il costo di carburante garantendo a tutti di scaldarsi e muoversi a prezzi contenuti.
2. Programmazione degli itinerari interurbani, per consentire agli abitanti di avere una visione in tempo reale della situazione cittadina per quanto riguarda i livelli di traffico sulle strade, così come, la possibilità di controllare se gli autobus ed i treni sono in orario. Queste informazioni permetteranno ai singoli cittadini di pianificare al meglio i loro spostamenti in tutta la città e di scegliere di volta in volta il mezzo di trasporto più semplice, veloce e adatto alle loro esigenze.
3. Il monitoraggio costante e l’analisi della domanda al dettaglio dei consumi per vedere quali parti di Bari sono più efficienti ed invece quali aree hanno bisogno di più sostegno da parte della municipalità.
4. Tramite un’applicazione smartphone, gli abitanti di Bari saranno in grado di segnalare problemi come buche, furti di bici o rifiuti abbandonati per le strade e monitorare in tempo reale la risoluzione di queste problematiche interagendo direttamente con l’amministrazione comunale.
5. Rilevazione e risoluzione tempestiva degli incidenti stradali e delle anomalie grazie ad una migliore integrazione tra sensoristica stradale, cittadini e gli agenti di polizia municipale in servizio.
6. Prevenzione e maggiore attività di contrasto alla criminalità, riducendo gli incidenti dovuti a comportamenti incivili e vandalici attraverso un uso migliore della tecnologia fotografica e dal relativo incrocio dei dati in possesso delle autorità di polizia.
7. Dare residenti informazioni in tempo reale sulle liste di attesa negli ospedali della città.
8. Tutto il lavoro potrà essere sintetizzato in un’ applicazione smartphone gratuita che consentirà a tutti i cittadini di interagire con il Comune in modo partecipato e ordinato. Grazie all’utilizzo di una piattaforma digitale open data (con dati predisposti al riuso e all’accesso)
Sono